Google multata 50 milioni di euro per violazione di GDPR in Francia



Il regolatore francese per la protezione dei dati, CNIL, ha sanzionato Google con una multa di 50 milioni di euro  per non aver rispettato i suoi obblighi GDPR.

Questa è la più grande sanzione GDPR ad oggi emessa da un regolatore europeo e la prima volta che uno dei giganti della tecnologia è sotto i colpi delle nuove e severe norme che sono entrate in vigore a maggio dello scorso anno.

CNIL ha dichiarato che la sanzione è stata emessa perché Google non ha fornito informazioni sufficienti agli utenti in merito alle sue politiche di consenso dei dati e non gli ha dato abbastanza controllo sul modo in cui le loro informazioni vengono utilizzate. Secondo il regolatore, queste violazioni devono ancora essere corrette dal gigante della ricerca. In base a GDPR, le società sono tenute a ottenere il “consenso effettivo” dell’utente prima di raccogliere le informazioni, il che significa rendere il consenso un processo di accettazione esplicito facile da ritirare.

Anche se la multa da 50 milioni di euro sembra grande, è piccola rispetto ai limiti massimi consentiti dal GDPR, che consente a una società di essere multata al massimo il quattro per cento del suo fatturato globale annuale per reati più gravi.

Questa non è la prima ammenda GDPR che è stata emessa, ma è di gran lunga la più grande. A dicembre, un ospedale portoghese è stato multato di 400.000 euro dopo che il suo personale ha utilizzato conti fasulli per accedere ai dati dei pazienti, mentre un social media tedesco e un servizio di chat sono stati multati di € 20.000 a novembre per archiviare le password dei social media in testo semplice. Un’azienda locale in Austria è stata anche multata di 4.800 euro nell’ottobre dello scorso anno per avere una videocamera di sicurezza che stava visionando lo spazio pubblico.

Rispondendo alla multa, un portavoce di Google ha affermato che la società è “profondamente impegnata” nel soddisfare gli “alti standard di trasparenza e controllo” che la gente si aspetta da essa. Hanno detto che la compagnia stava studiando la decisione del CNIL per determinare i suoi prossimi passi.

Separatamente, Google è stata anche accusata di violazioni della privacy di GDPR da parte di gruppi di consumatori in sette paesi europei rispetto a quelli che affermano essere “pratiche ingannevoli” in merito alla localizzazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *