Playstation classic e il menù segreto



Appena un giorno dopo l’uscita di PlayStation Classic, il canale YouTube di Retro Gaming Arts ha scoperto che è possibile accedere al menu delle impostazioni dell’emulatore collegando una tastiera a uno slot USB libero e premendo il tasto Esc.

Ciò rivela una serie di impostazioni per l’emulatore PCSX open-source integrato, che consente potenzialmente l’accesso alle opzioni, inclusi gli stati di salvataggio, i controlli e i cheat.

La scoperta ha sollevato la speranza che alcune delle critiche alla console retro, come una libreria di giochi limitata e una scarsa qualità dell’immagine, potrebbero presto essere affrontate con il modding di terze parti. Nei menu scoperti, è chiaramente visibile l’opzione “Carica immagine CD”, che suggerisce che potrebbe essere possibile caricare altri giochi o forse solo le varianti NTSC a 60Hz con prestazioni migliori. È inoltre disponibile un’opzione per abilitare e cambiare diverse impostazioni video.

Nonostante la scoperta, è difficile che le limitazioni hardware del processore ARM della console retro possano essere completamente superate. Dopotutto, i giochi non sono ancora in grado di funzionare alla massima velocità quando vengono emulati sul dispositivo Nvidia Shield che è significativamente più potente (ma ancora basato su ARM).

Questa “breccia” nella console è stata scoperta con difficoltà, in quanto non tutte le tastieri sono compatibili. Un utente di Twitter ha provato a provare 15 tastiere sulla sua PlayStation Classic senza successo. Al momento, le uniche tastiere confermate che funzionano sono Corsair K70 e K95, anche se pure Logitech è stato menzionato nella descrizione del video originale.

Se si è in possibile di una delle tastiera citate nel tweet la procedura, per arrivare nel menù segreto, è molto semplice.

Bisogna comunque fare attenzione se si ha intenzione di modificare qualsiasi impostazione, tuttavia: poiché l’accesso a questi menu non è permesso da Sony, non si sa quale danno si possa fare alla console in miniatura.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*