videosorveglianza scusate sono una neofita!!

  • 1 Risposte
  • 5381 Visite

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline ale

  • Nuovo Iscritto
  • *
  • 1
videosorveglianza scusate sono una neofita!!
« il: 11 Aprile 2007, 03:15 »
Ciao, ho la necessità di installare una videosorveglianza minima in
una casa di mia proprietà lontana dalla mia residenza solita, nella
quale potrei non andare anche per qualche mese. Per non ricorrere a
una semplice cellcam (tipo il Pupillo della 3) sto cercando di capire
come installare una rete da cui poi accedere via Internet dalla mia
dimora abituale, per visionare quello che una o più videocamere
trasmetteranno. Non mi occorre registrare le immagini, solo vedere.
Premetto che non ne so quasi nulla, ma dai consigli raccolti in Rete
ho capito che: devo installare l'adsl nella casa al mare. Una linea
normale sarebbe troppo lenta per la trasmissione delle immagini? Ma
avere l'adsl presuppone pure un canone Telecom?Poi, dovrei installare
circa tre netcam ip, con proprio web server, che sarebbero in contatto
tramite wifi con un access point. Sembra facile! La netcam consigliata
è questa
http://www.pixmania.com/it/it/152552/art/d-link/videocamera-di-rete-wifi.html
ma la mia domanda è: se ne voglio avere diciamo tre per varie visuali
interne della casa, ne devo prendere per forza tre così col web server
integrato o ne basta una e poi altre due "normali" anche se wireless?
Non ho la più pallida idea però di come si procede a fare la
configurazione e se sarei in grado anch'io da profana anche se il pc
lo uso quotidianamente da autodidatta. Non sapreste indicarmi qualche
sito in cui se ne parla partendo dai concetti base, passo passo? O
magari qualcuno così gentile tra voi avrebbe la pazienza di spiegarmi
dalla base?Se mi spiegano con chiarezza capisco..
Aspetto uan risposta, grazie in anticipo a chi vorrà aiutarmi o solo
darmi un consiglio. Alessia

P.S.Dimenticavo di dire le cose per me più importanti:
1)praticamente nella casa al mare la strumentazione sarebbe connessa
all'adsl e quindi "interrogabile"da un browser via internet senza un
computer??Per me è una grossa notizia..
2)tenere collegati alla corrente praicamente sempre questi apparecchi
non può creare sovraccarichi che potrebbero generare cortocircuiti e
incendi?E' una mia grossa preoccupazione, non stando sul posto per
sorvegliare quotidianamente che non succeda nulla.
E' tutto grazie ancora:)

Offline rgabriel

  • Membro Anziano
  • ***
  • 138
  • Sesso: Maschio
Re: videosorveglianza scusate sono una neofita!!
« Risposta #1 il: 16 Aprile 2007, 15:09 »
Ciao Ale...

Anzitutto scusa per il ritardo nella risposta ;)

Andiamo per ordine: Per poter fruire di qualsiasi servizio a distanza, è ovvio che tu debba disporre di un accesso alla rete che ti consenta di essere visibile: devi quindi scegliere in ISP che ti fornisca un IP PUBBLICO (statico o dinamico è indifferente) non nattato. I contratti che prevedono un IP PUBBLICO STATICO di solito sono abbastanza costosi, quindi è consigliabile scegliere un ISP che te ne fornisca uno PUBBLICO DINAMICO tipo Alice Flat, Libero Mini ecc (NO FASTWEB) e poi registrarsi ad un servizio di DSN DINAMICO tipo www.no-ip.org
Altresì, la larghezza di banda deve essere commisurata al volume delle informazioni/dati che devono essere scambiate sul media di comunicazione. Se dunque, devi farci passare uno streaming video, naturalmente ti occorre una connessione che abbia una velocità di UPLOAD notevole (ovviamente ci orientiamo su un'ADSL).
Il ROUTER per il collegamento non deve essere in comodato ma proprietario, così da poterlo comodamente configurare da noi.
Prima di scegliere il router, occorre definire l'architettura della rete interna. Hai detto che per comodità, vorresti una rete wireless, allora devi fare un'analisi delle distanze cui andranno posizionati i client WIFI. Nota bene che in ambienti INDOOR, hai un po' di variabili da considerare:
1 - distanza;
2 - spessore complessivo delle pareti che si frappongono tra access-point e client;
3 - materiali di costruzione;
4 - Eventuali fonti di interferenza sui 2,4GHz

Una volta fatto ciò, passiamo alla scelta delle telecamere.
In commercio esistono diversi modelli di NETWORK CAMERA economiche, quindi scegliamo quella che ha le caratteristiche che più si avvicinano alle nostre esigenze. Una telecamera di rete si sceglie valutando essenzialmente 3 fattori:
1 - Sensibilità al buio
2 - Formato dell'output
3 - Media di collegamento
Il primo punto, definisce quanto la cam riesce a vedere in condizioni di scarsa luminosità. E' un parametro espresso in LUX. Tanto più questo valore è basso, tanto più la cam è sensibile alla luce. Per farti un esempio, un Telecamera da 4LUX è ingrado di vedere in un ambiente illuminato da un lumetto a luce diffusa da 10/15WATT; una telecamera da 1LUX riesce a vedere anche in presenza di pochissima luce, per esempio con la luce di una candela che illumina la stanza.
Il formato dell'output è quel parametro che ti fa capire fondamentalmente l'occupazione di banda che lo streaming video impiegherà per essere trasmesso. Anche quì trovi una certa varietà di cam tra cui scegliere. Fondamentalmente i formati si classificano per la risoluzione ottica massima ottenibile ed il formato di compressione delle immagini. Il primo valore espresso in PIXEL è abbastanza familiare forse, e definisce la dimensione in punti dell'immagine: di solito non superano i 640x480 pixel, che tuttavia è una risoluzione eccezzionale per la videosorveglianza (pensa che le tradizionali telecamere analogiche non superano le 200righe di scansione orizzontale in formato PAL). Il formato dello streaming indica come le immagini saranno trasmesse in rete. Fondamentalmente troverai due tipi di formato: MJPG (immagini JPG in sequenza, che garantiscono un'elevata qualità ma anche un notevole peso in termini di banda) ed MPEG4 (vengono trasmessi in rete solo le variazioni di immagine rispetto un gotogramma chiave che è la base del flusso, tale tecnica di compressione implica un' "approssimazione" dell'immagine ai fotogrammi reali avendo la peculiarità di abbassare notevolmente il quantitativo di dati trasferito). Le cam MPEG4 di solito sono più costose perchè la compressione MPEG richiede un hardware abbastanza potente.
Infine, le telecamere di rete, per essere definite tali, sono dei veri e propri SERVER collegati in rete, con una loro CPU, MEMORIA, SOFTWARE di controllo e INTERFACCIA DI RETE. Non esistono telecamere "normali". Ogni telecamera di rete ha un suo WEB MANAGEMENT che permette la configurazione del dispositivo e la visualizzazione delle immagini live. Di solito queste si differenziano per tipologia di media: Possono essere telecamere con interfaccia Ethernet in RAME o avere anche il WIFI (wireless) a bordo. In questo secondo caso il prezzo della cam sarà maggiorato.

La tecnologia di questi piccoli device (router adsl, access-point, network camera) è progredita così tanto negli ultimi anni, da permettere agli sviluppatori di metterci dentro software di gestione semplici e potenti, così da renderne facile l'installazione anche ad un utente non troppo esperto!!

D-Link produce delle IPCAM economiche, ma da un bassissimo rapporto qualità prezzo. Costano troppo per la qualità video che offrono!!!
Orientati inceve su cam AXIS e per inciso la 207W di cui ti riporto il link: http://www.axis.com/products/cam_207w/
E' forse un tantino più costosa della D-Link, ma non c'è paragone!

Comunque, qualsiasi IPCAM è interrogabile dalla rete con il browser internet. Puoi mettere in rete quante telecamere vuoi ed interrogarle singolarmente con il tuo Browser impostando delle semplici regole di NAT sul router ADSL!

Per quanto riguarda i consumi, beh, questi dispositivi assorbono abbastanza poco, quindi non corri rischi di sovraccarichi e quindi di incendio. ad ogni modo, se proprio ti preoccupi, basta che non pocci i devices su superfici infiammabili e risolvi a monte il problema!

Per qualsiasi altra curiosità posta pure! A presto!